Storia di CaorleCaorle OggiIl centro storico di CaorleIl porto di CaorleLa Caorlina CaorleIl mito di Caorle

 
LA STORIA
Il nome Caorle deriva dal latino “Caprulae” e probabilmente fa riferimento alle capre selvatiche che vi pascolavano, o al culto alla dea pagana Capris. Le sue origini romane datate 452 d.C. sono testimoniate anche dai reperti ritrovati in città e nell'entroterra. 
Assume gradualmente importanza per essere il porto di riferimento di Concordia Sagittaria, cui era collegata attraverso il fiume Lemene. Poi crebbe grazie alla fuga delle popolazioni venete e friulane nei luoghi costieri per sfuggire alle invasioni barbariche di Attila. Lo stesso che accadde anche per Rialto (Venezia) qualche decennio dopo. Da questo momento il legame di Caorle con la Serenissima Repubblica di Venezia divenne indissolubile e con essa condivise le vicissitudini storiche.
up!
 
CAORLE OGGI
Caorle è una ridente cittadina sul mare vicino a Venezia (distante solo un ora). Il litorale di circa 18 km, è costituito da una lunga distesa di sabbia dorata. È attualmente una tra le mete turistiche più apprezzate dell’alto Adriatico pur continuando a conservare le caratteristiche di antico borgo di pescatori con le sue tradizioni e tipicità. Caorle è l’alternativa ideale per turisti che vogliono passare le loro vacanze italiane in un clima sereno e gioviale.
up!
 
IL CENTRO STORICO
Molto suggestivo è il centro storico che mette in evidenza originali atmosfere veneziane. Ricco di punti di riferimento è di edifici antichi e vivaci, tipici dei nuclei urbani legati alla pesca, con la caratteristica delle variegate colorazioni e dalla estrema aggregazione, con la presenza di calli e campielli.

Il duomo rappresenta il monumento maggiore. Edificato nell'Xl secolo, fu per secoli sede vescovile. All'esterno, nell'ampio piazzale antistante si erge il maestoso campanile. La torre campanaria è pressoché unica nella sua pianta circolare e derivata da un antico faro-vedetta di epoca romana. Antistante al duomo vi è il Museo Liturgico che merita una visita. Il duomo rappresenta il monumento maggiore. Edificato nell'Xl secolo, fu per secoli sede vescovile. All'esterno, nell'ampio piazzale antistante si erge il maestoso campanile. La torre campanaria è pressoché unica nella sua pianta circolare e derivata da un antico faro-vedetta di epoca romana. Antistante al duomo vi è il Museo Liturgico che merita una visita.

Altro importante monumento cittadino è il santuario Mariano di San Michele Arcangelo, comunemente denominato Madonna dell'Angelo. Situato in una posizione suggestiva all'estremo di una piccola penisola sul mare, ha sempre rappresentato un punto di riferimento per i naviganti.

Dal santuario percorrendo la passeggiata sulla scogliera si può ammirare l’affascinante "Scogliera Viva" caratterizzata da originali sculture che maestri provenienti da tutto il mondo rinnovano di anno in anno.
up!
 
IL PORTO
Il centro storico di Caorle era attraversato da canali che poi furono interrati, come testimonia il nome della via centrale "Rio Terrà". Dell'antico percorso acqueo oggi rimane il Rio Interno, ovvero il porto peschereccio, che rappresenta una delle peculiarità della città per la sua tipica attività marinara. Nei primi anni del ‘900 le imbarcazioni che ormeggiavano nel porto di Caorle erano i Bragozzi, altra tipica ed importante imbarcazione lagunare, sostituita nell'immediato dopo guerra dai pescherecci a motore. Oggi Caorle ospita due darsene per imbarcazioni da diporto con oltre 900 posti barca.
up!
 
LA CAORLINA
La caorlina è un'imbarcazione tradizionale come la celebre gondola ma originaria di Caorle, usata oggi in particolar modo nelle regate della voga veneta. Inizialmente serviva per la pesca in laguna e per il trasporto di merci.
 Le caratteristiche della caorlina sono innanzitutto il fondo piatto e la prua e la poppa uguali e rialzate; questo consente con facilità la voga da parte dei rematori. 
Tutte le barche a remi possono alloggiare comunque un albero per issare la vela latina. I vivaci colori e le decorazioni rappresentavano i simboli delle famiglie o compagnie di pesca. A Caorle, inoltre, nel 2000 è stata costruita una caorlina da parata, con 24 rematori che oltre a partecipare alla Regata Storica nel Canal Grande di Venezia, prende parte a numerose manifestazioni di carattere storico o religioso.
up!
 
IL MITO
Il santuario è il luogo di culto per eccellenza della popolazione locale, innanzitutto perché il mito vuole che nell'VIII secolo sia accaduto un miracolo: dei pescatori attirati da un bagliore videro galleggiare sull'acqua una statua della Madonna con Bambino. I pescatori la trascinarono con le reti sulla spiaggia, ma era troppo pesante... ci riuscirono solo dei bambini. La chiesetta inoltre ha avuto da sempre un ruolo protettivo, in quanto in passato salvò la popolazione da una spaventosa mareggiata che aveva inondato la città.
up!